Coppo

Piemonte , Canelli (AT)

Vini della cantina

Contatti (dove siamo)

Coppo
Via Alba, 68, 14053
Tel.
Mobile

La storia di Coppo si intreccia con quella del vino piemontese, in particolare con lo sviluppo di Canelli, patria dello spumante italiano. La tradizione si mescola alla coraggiosa visione di futuro, sacrificio e innovazione con un grande legame: quello per la terra del Piemonte. Così nascono grandi vini come il Barolo, Pomorosso, Monteriolo Chardonnay ed il Clelia Rosè. Le origini dell’azienda risalgono al 1892 ed oggi, con oltre 120 anni di storia, è ancora in mano alla famiglia. Coppo è una delle più antiche realtà vinicole italiane e nel 2012 Unioncamere ha inserito l’azienda nel registro nazionale delle imprese storiche con più di un secolo anni di ininterrotta attività nel medesimo settore merceologico. All’inizio del ventesimo secolo la produzione dell’azienda spazia dagli spumanti ai vini rossi del Piemonte, tra cui spicca la Barbera. I vini iniziano ad andare oltre confine. Vengono così esportati in Sudamerica e negli Stati Uniti, dove il vino era commercializzato sfuso o in damigiane. Nella metà del 1900 a Piero Coppo subentra il figlio Luigi il quale inizia a rimodernizzare le cantine dotandosi delle ultime tecnologie: per esempio sono tra le prime aziende a dotarsi di un tunnel ventilato per l’asciugatura delle etichette su larga scala. Grande amante dei vini francesi, l’azienda inizia ad importare i grandi vini di Borgogna e della Champagne. Tra gli anni ’70 e ’80 comincia la vera svolta ad opera della terza generazione: i quattro fratelli iniziano a creare spumanti Metodo Classico e avviano la produzione di Chardonnay, creando vini bianchi di grande complessità e longevità. La quarta generazione è quella che oggi ha ufficialmente aperto le porte della cantina a tutti gli amanti del loro vino.

 
 

Iscriviti alla newsletter

e ricevi subito 5€ di sconto

No, grazie. Non voglio il buono sconto