I Due Aironi

Emilia Romagna , Castello di Serravalle (BO)

Vini della cantina

Contatti (dove siamo)

I Due Aironi
Via Rio Marzatore, 739, 40050
Tel.
Mobile

E’ il 1993 quando l’azienda è stata acquistata mentre si trovava in totale abbandono. Nell’area Classica dei Colli Bolognesi, esattamente a Castello di Serravalle, in provincia di Bologna, sono stati impiantati 6,5 ettari di vigneti specializzati in Pignoletto, Chardonnay e Cabernet Sauvignon; è in questo periodo che viene realizzata una piccola cantina per avviare le prime prove di vinificazione. Nel 2005 vengono aggiunti altri 5 ettari di Pignoletto, Cabernet Sauvignon e Merlot, ed allo stesso tempo viene completata la costruzione di una cantina moderna con una capacità di produzione di oltre 250.000 bottiglie all’anno. L’anno dopo, la gestione da azienda famigliare passa a società agricola. Obiettivo principale in tutte le fasi di coltivazione e di produzione è quello di dedicarsi alla qualità ed alla protezione sanitaria dei vini. Il 2006 è poi l’anno di entrata nel mercato in cui I Due Aironi hanno avuto modo di confrontarsi con i competitori; ricevono tre premi per la qualità e nel 2008 ottengono il “Bollino vignaioli Colli di Bologna”, apprezzato nella loro zona. La sanità dei vini è garantita da una pluriennale certificazione della locale AUSL (Autorità Sanitaria) di assoluta assenza di residui di pesticidi ed Ocratossine nei limiti della sensibilità strumentale. Le tecniche di lavorazione prevedono vinificazioni in bianco, in rosso con tecniche di criomacerazione, raffinazione sui lieviti, invecchiamento in botti di cemento e/o legno, seguendo le vecchie tradizioni locali, ma in atmosfera controllata e temperatura regolata per garantire la migliore qualità e salubrità dei vini. Vino di punta è il Pignoletto, un vitigno bianco autoctono della zona e coltivato solo in questo territorio per secoli; le sue prime notizie risalgono al Naturalis Historia di Plinio il Vecchio (I secolo) che cita un vino locale col nome di Pinus Laetus. Con queste uve vengono prodotte due distinte tipologie di vino impiegando diverse tecniche di vinificazione: il Pignoletto Frizzante, più famoso e tipico, ed il Pignoletto Superiore Fermo. Altro obiettivo è quello di realizzare e far conoscere la loro nicchia di qualità, questo perché la produzione non sarà mai caratterizzata da grandi quantità per garantire ai clienti il sapore e la memoria dell’antica campagna bolognese. L’azienda conta di portare la produzione a circa 250.000 bottiglie nell’arco di tre o quattro anni.

 
 

Iscriviti alla newsletter

e ricevi subito 5€ di sconto

No, grazie. Non voglio il buono sconto