Colli Euganei fior d’arancio DOCG

Tutti i prodotti Colli Euganei fior d’arancio DOCG

Il Colli Euganei Fior d’Arancio DOCG è un vino moscato che, come vuole in nome stesso, ricorda in modo intenso e persistente gli esperidati sentori del fiore dell’arancio di Sicilia. Le origini di questo vino, prodotto nella parte orientale della provincia di Padova, sono incerte. Composto di uve Moscato Giallo per un volume superiore al 95%, il Colli Euganei Fior d’Arancio viene ottenuto da un antichissimo vitigno proveniente dalla lontana Siria o addirittura dalla Mesopotamia. Trapiantato in Italia, questo prezioso vitigno ha trovato il clima ideale in cui poter esprimere tutta la propria raffinata aromaticità. Delle terre lontane da cui proviene conserva importanti reminiscenze esotiche su cui dominano gli avvolgenti sentori di Zagara. Nel 2011, a coronamento della sua eccellenza è arrivata, per decreto ministeriale, la Denominazione di Origine Controllata e Garantita. Il severo disciplinare DOCG prevede che gli unici comuni interessati dalla produzione siano Arquà Petrarca, Galzignano Terme, Torreglia, Abano Terme, Montegrotto Terme, Battaglia Terme, Due Carrare, Monselice, Baone, Este, Cinto Euganeo, Lozzo Atestino, Vò, Rovolon, Cervarese S. Croce, Teolo, Selvazzano Dentro. Tre sono le tipologie in cui il vino viene proposto: la tipologia Spumante, Passito e Tranquillo. Allo sguardo il Colli Euganei Fior d’Arancio DOCG si presenta di un giallo paglierino particolarmente brillante, venato di riflessi che vanno dal verdognolo fino al dorato. La versione Passita ha un colore più caldo, volgente al giallo dorato, talvolta all’ambrato. All’olfatto, oltre che le note di fiori d’arancio, sprigiona caratteristici e freschi sentori di Sambuco. Il gusto va dall’amabile al dolce, dove la dolcezza è attutita da una lieve nota di acidità. Quest’ultima regala al vino la sua piacevole freschezza. Servita fra gli 8 e i 10 gradi, la versione secca si sposa divinamente con piatti leggeri e profumati a base di pesce e uova. È perfetta anche con minestre e zuppe di verdura o in accompagnamento a un antipasto all’italiana. La versione Spumante invece si accompagna particolarmente bene con crostate e altri dolci a pasta frolla oppure sfoglia. Ideale anche in abbinamento con dolci al cucchiaio. La tipologia passita invece può accompagnare una ouverture a base di patè o foie gras, così come un fine pasto a base di biscotti, pasticceria secca oppure formaggi erborinati.

Iscriviti alla newsletter

e ricevi subito 5€ di sconto

No, grazie. Non voglio il buono sconto