Orvieto DOC

Tutti i prodotti Orvieto DOC

Al confine fra Umbria e Lazio, in una terra la cui vocazione enoica risale a tempi molto antichi, viene prodotto l’Orvieto DOC. L’area di produzione si estende poco al di là del paese medioevale di Orvieto, in provincia di Terni, spingendosi fin quasi a toccare, verso est, il lago di Corbara, nel viterbese. In queste terre, la coltivazione della vite e la produzione di vino erano già praticate dagli etruschi, che scavavano nel suolo vulcanico le cave all’interno delle quali lasciavano fermentare le uve da cui veniva ricavato uno dei vini più famosi e pregiati di tutto il Mondo Antico. E anche nel Medio Evo l’area rimase celebre per la produzione di un vino che allora era dolce e che invece ai giorni nostri si presenta piuttosto secco. E oggi, nonostante nell’area si continuino a produrre anche ottime qualità di vino Rosso, la menzione Orvieto DOC è riservata ai soli vini bianchi. Questi si compongono per una percentuale non inferiore al 60% di uve Procanico, che sono la variante toscana del Trebbiano e conferiscono al vino i suoi sentori fruttati, e uve Grechetto. Il restante 40% è invece composto di altre uve a bacca bianca prodotte nell’orvietano che sono solitamente Canaiolo e Malvasia Toscana, ma anche Drupeggio e Verdello. Da questa ricca composizione risulta un vino dello stesso colore dell’oro che il poeta Gabriele d’Annunzio definiva come il sole d’Italia racchiuso in bottiglia. La grande varietà di vitigni ammessi dal disciplinare per l’Orvieto e la loro proporzione altamente variabile fa sì che alcuni produttori scelgano di produrre un vino dal gusto più classico, dominato dalla presenza del Trebbiano, e che altri produttori invece tendano maggiormente a sperimentare, giocando più su altri vitigni. Ma a rendere unico e prezioso l’Orvieto DOC è sicuramente un terreno insieme tufaceo, limaccioso e vulcanico, che conferisce al vino il suo odore delicato e gradevole, nonché il suo gusto che spazia dal secco all’abboccato fino all’amabile e al dolce, ma che si conserva in ogni caso fine, delicato e con un lieve retrogusto amarognolo. Per quanto riguarda gli abbinamenti, l’Orvieto è perfetto da gustare in compagnia di un classico piatto di pasta all’Amatriciana.

Iscriviti alla newsletter

e ricevi subito 5€ di sconto

No, grazie. Non voglio il buono sconto