Teroldego Rotaliano DOC

Tutti i prodotti Teroldego Rotaliano DOC

Morbido e opulento, il Teroldego è un vino il cui nome significa molto probabilmente Oro del Tirolo, Tiroler Gold, in tedesco, nome con cui questo vino era conosciuto nell’Ottocento dall’aristocrazia austriaca. Ottenuto dall’omonimo uvaggio in purezza coltivato nella suggestiva piana Rotaliana in provincia di Trento, il Teroldego è un vino ammantato da un’aura di particolare prestigio. Era infatti il vino preferito dell’imperatore Francesco Giuseppe d’Austria, che amava far arrivare fin nella sua Vienna quest’oro rosso proveniente dalle regioni poste a sud dell’impero. E il Teroldego è appunto, oltre che il vino principe del Trentino, anche un vino di frontiera, espressione della straordinaria identità enogastronomica mitteleuropea. Amato dalla corte asburgica e non solo, il Teroldego ha ottenuto la dicitura DOC nel 1971, quale gioiello vitivinicolo intimamente legato alle magiche terre in cui ha origine. Il disciplinare prevede ancora oggi che venga prodotto nei soli comuni di Mezzolombardo, Mezzocorona e nella frazione di Grumo, situata all’interno del comune di San Michele all’Adige. In commercio si può trovare il Teroldego in quattro diverse, splendide versioni. La versione base, la versione rosé, che in tedesco prende la dicitura di kretzer, la versione riserva, invecchiata in botte per 24 mesi prima di essere commercializzata e, per finire, la versione Superiore, con grado alcolimetrico superiore ai 12 volumi. Nella versione rossa, presenta un colore rosso rubino che tende al mattone. All’olfatto sprigiona sentori caratteristici e gradevolmente fruttati che evocano il lampone e il mirtillo e che, nella versione riserva, si fanno particolarmente intensi. Al palato si mostra sapido, asciutto, ben strutturato. Nella versione rossa è lievemente tannico e sprigiona sul finale un fondo leggermente amarognolo che contiene suggestioni di mandorla. Gli abbinamenti ideali per questo vino sono le carni in genere, e in particolare le carni rosse e le grigliate. Se invecchiato e servito a temperatura di 20-22 gradi, è il compagno ideale della selvaggina, soprattutto se di pelo. I formaggi saporiti e ben stagionati rappresentano un altro degli abbinamenti prediletti da questo corposo vino, capace di sublimarne il gusto intenso. Eccezionale anche in abbinamento col locale Puzzone di Moena.

Iscriviti alla newsletter

e ricevi subito 5€ di sconto

No, grazie. Non voglio il buono sconto