Terra dei Forti DOC

A cavallo fra Veneto e Trentino, all’interno di una valle dalla forma allungata che da Nord punta verso Sud scavata dal corso dell’Adige e circondata dalle alte creste alpine, viene prodotto il Terra dei Forti DOC. In queste fascinose terre che hanno preso forma dalla lenta e inesorabile azione dei ghiacciai e da una secolare tradizione vitivinicola, ha origine una ricca varietà di vini, che spaziano dai bianchi fino ai rossi e che rispondono tutti alla medesima denominazione DOC. Il disciplinare prevede che il Terra dei Forti sia prodotto nei soli comuni di Rivoli Vernese, Brentino Belluno, Dolcè e Avio, piccole perle paesaggistiche che si snodano lungo il corso dell’Adige fra i lunghissimi filari delle vigne. Le prime testimonianze di coltivazione della vite in queste zone risalgono a tempi remoti. Primo a decantare la spiccata vocazione vitivinicola dell’area è addirittura Plinio il Vecchio, nel primo secolo dopo Cristo. E questa spiccata vocazione ha attraversato i secoli per arrivare fino a oggi forte di una tradizione ancora particolarmente viva. I bianchi che ricadono sotto l’etichetta Terra dei Forti Valdadige sono lo Chardonnay, il Pinot Grigio e il passito da uve Chardonnay, composti per l’85% minimo dell’omonimo uvaggio. Per quanto invece riguarda i rossi, questi sono l’Enantio e il Casetta, esistenti anche nella versione Riserva quando la maturazione raggiunge i 36 mesi. Il primo è realizzato, per un volume minimo dell’85%, con uvaggio Lambrusco nella varietà a foglia frastagliata, mentre il secondo vede come uvaggio principe il Casetta. Vi è poi l’Enantio Passito, caratterizzato da un profumo ampio e da intensi sentori di frutti maturi. Per quanto riguarda le caratteristiche organolettiche, l’Enantio ha un sapore pieno, secco e armonico che lo rende perfetto in abbinamento con i piatti della tradizione gastronomica locale come i salumi tipici trentini, la zuppa d’orzo e il wurstel. Il Pinot grigio ha invece un gusto asciutto, pieno e armonico, mentre lo Chardonnay al palato si presenta gradevolmente secco. Entrambi si abbinano soavemente col Grana Padano ancora fresco, con la trota, le lumache e la locale frittatensuppe. Il Passito infine risulta dolce, vellutato e armonico.

Iscriviti alla newsletter

e ricevi subito 5€ di sconto

No, grazie. Non voglio il buono sconto