La Calabria e la rinascita del Cirò

Una tradizione enologica che riporta alla civiltà greca e la vicinanza al mare delle coltivazioni vinicole che dona all’uva proprietà saline e minerali fantastiche

La nostra selezione

Quasi tutti i territori enologici della Calabria pare si siano risvegliati dopo un lungo periodo di letargo; per molti anni infatti i vini calabresi sono stati usati come vini da taglio, ma ultimamente, grazie alla caparbietà di alcuni viticoltori locali, il livello qualitativo è salito notevolmente.
Oggi in Calabria si contano 10 DOC e 10 IGT, per un totale di circa 25.000 ettari vitati su una superficie prevalentemente collinare e montuosa.
Partiamo dalla denominazione principe: quella del Cirò. I vini rossi calabresi riescono a coniugare la classicità del Gaglioppo con qualche innovazione in cantina; si tratta di una vinificazione attenta e rigorosa, abbinata a sistemi di coltivazione che puntano a raggiungere una qualità della materia prima più elevata. I vini bianchi del Cirotano non sono solo molto profumati e beverini, ma in alcuni casi dimostrano anche una forte ed intrigante personalità. Anche dai vini rosati ottime notizie! Finalmente questa tipologia non è solo utilizzata dai produttori, ma anche sfruttata adeguatamente dal punto di vista della qualità delle selezioni presentate.
Anche il terroir di Lamezia Terme genera vini che stuzzicano il palato; essendo un territorio adattissimo alle coltivazioni di uve autoctone come il Greco ed il Gaglioppo ma favorevole anche a produzioni di varietà alloctone come il Merlot o il Cabernet.
Infine, per la zona di Reggio Calabria, in particolare a Sud di Locri, è da citare la DOC Greco di Bianco. Qui si produce un caratteristico vino dolce, che alcuni ritengono essere, insieme al Moscato di Siracusa, il vino più antico d’Italia. La tecnica tradizionale prevedeva due fasi di appassimento: una in pianta e una in riva al mare, sugli scogli.

E’ megghiu sucu ‘e vinazzu e nno acqua ‘e critazzuPer quanto possa essere non buono, il vino è sempre da preferire all’acqua

Proverbio

La Produzione vinicola

Anticamente chiamata “Enotria” cioè terra del vino, la Calabria concentra la produzione sulla costa ionica e nel suo entroterra collinare sino alle prime pendici della Sila dove viene prodotto il celebre Cirò. Più a sud, alle pendici dell’Aspromonte viene coltivato in prevalenza il vitigno Greco. Nella zona di Lameziasi coltivano le uve di Nerello Mascalese.

Le denominazioni

In Calabria sono presenti bene 15 DOC e 11 IGT; non troviamo invece nessuna DOCG

G

  • Greco di Bianco DOC

Iscriviti alla newsletter

e ricevi subito 5€ di sconto

No, grazie. Non voglio il buono sconto