IL VENETO E LE SUE ECCELLENZE FAMOSE NEL MONDO

La produzione conta numerosi vini di alto livello, uno su tutti l’Amarone della Valpolicella robusto e ricco di sfumature profumate che lo rendon uno dei vini migliori al mondo.

La nostra selezione

Il Veneto è la portaerei del vino italiano. Con i Suoi 8 milioni di ettolitri, in larga parte tutelati da denominazione di origine o da indicazione geografica (attualmente sono presenti ben 14 DOCG, 28 DOC e 10 IGT), è la prima regione italiana in termini di produzione e la terza per superficie vitata. La sua particolare posizione fa si che in Veneto la produzione vitivinicola sia di altissima qualità ed estremamente variegata. La gran parte è vino destinato alle tavole di tutti i giorni in ogni angolo del mondo: Prosecco, Soave, Valpolicella, Bardolino sono tutti nomi di grande popolarità e di consolidata tradizione. In particolare la zona di Verona e Treviso, entrambe attorno ai 3 milioni di ettolitri, hanno una storica e spiccata tradizione alla quotidianità, senza con questo cedere dal lato della qualità, che in entrambe le province raggiunge talvolta vertici assoluti: è il caso di certi vini rossi della Valpolicella (Corvina, Corvinone, Rondinella e Molinara), degli straordinari cru del Soave e soprattutto per l’utilizzo dell’autoctono Vespaiola con cui si produce il passito Torcolato di Breganze. Ma proprio in terra valpolicellese, a fronte dell’ascesa apparentemente inarrestabile prima dell’Amarone e poi anche Ripasso, si è manifestata nell’ultimo decennio una progressiva rincorsa a un nuovo stile enologico, improntato sull’appassimento delle uve e sulla ricerca della struttura. Gradualmente po’ tutte le aree vinicole venete (Lugana, Bardolino, Valpolicella, Monti Lessini e Colli Berici, Vicenza Padova e Treviso) hanno raggiunto importanti standard produttivi. Ottime bottiglie provengono dai vigneti di più o meno recente affermazione, come quelli dei Colli Euganei, dei Colli Berici e di Gambellara, del Montello, delle zone di Liason-Pramaggiore e del (zona degna di nota oltre che per gli eccellenti vini anche perché fortemente caratterizzata dall’utilizzo di forme d’allevamento tradizionali, come la pergola veronese e il bellussi). Accanto alla Garganega, alla Corvina e al Prosecco, sovrani fra i vigneti autoctoni, e insieme ai tagli bordolesi storicamente presenti in terra berico-auganea, ecco emergere altre uve e denominazioni; Il Raboso sul Piave, il Verdisio nelle colline prosecchiste, il Tai Rosso nel Vicentino.

Chi ga inventà el vin, se nol xe in Paradiso, el xe vissìnChi ha inventato il vino, se non è in Paradiso, è lì vicino

Proverbio

La Produzione vinicola

La maggiore produzione dei vini veneti è divisa tra le province di Verona e Treviso dove vengono prodotti il noto Amarone DOCG e il Prosecco Superiore Valdobbiadene DOCG

Le denominazioni

Seconda regione italiana per numero di DOCG con ben 16 referenze, il Veneto è celebre per i suoi Amarone della Valpolicella DOCG e e Prosecco di Conegliano-Valdobbiadene DOCG.Inoltre vanta ben 24 DOC e 14 IGT

Iscriviti alla newsletter

e ricevi subito 5€ di sconto

No, grazie. Non voglio il buono sconto