Vino dolce

“La vita è cosí amara, il vino è cosí dolce; perché dunque non bere?”
(Umberto Saba)

La nostra selezione

Nell’enorme produzione vinicola italiana è importante riconoscere il ruolo fondamentale che assumono i vini dolci. In Italia ne vengono prodotti svariati tipi che si differenziano a seconda del metodo di lavorazione delle uve impiegate. La produzione di vini dolci è molto particolare e ha bisogno di determinate condizioni e tecniche in vigna come in cantina. Tra i vini dolci si possono citare i vini dolci a vendemmia tardiva ovvero quelli che mantengono una concentrazione elevata di zucchero che va a coprire la componente acida del prodotto. I vini dolci naturali che sono preparati con uve di vitigni aromatici come il Brachetto e il Moscato per i quali viene bloccata la fermentazione in modo da incrementarne il gusto dolce e zuccherino.
I vini muffati che, nonostante il nome poco poetico, sono quei vini le cui uve subiscono l’aggressione di una muffa nobile che esalta la quantità di zucchero degli acini.
Bisogna ricordare i vini dolci liquorosi ed aromatizzati, che sono realizzati con aggiunta di alcol o di mosto cotto. Dulcis in fundo i vini passiti, quelli preparati con uve lasciate ad appassire o sulla pianta stessa o su stuoie dopo la raccolta.
Ogni regione adotta delle particolari tecniche di produzione e usa particolari uvaggi, a volte anche internazionali, ed è per questo che i vini da dessert italiani sono molto diversi tra loro e tutti molto caratteristici.

Iscriviti alla newsletter

e ricevi subito 5€ di sconto

No, grazie. Non voglio il buono sconto